i contranommi

i nomi come luoghi dell'immaginario
Per "contranommi" si devono intendere i soprannomi di alcuni personaggi tipici che ancora sopravvivono nella memoria dei Furoresi. Il valore di queste invenzioni linguistiche non sta soltanto nelle argute definizioni che molti di essi implicano ma anche nel fatto che, in questi artifici della lingua si celano passate abitudini, luoghi dell'immaginario antropologico, usi, costumi e voglia di affabulare.

 

'a Bannera

Si racconta che questa donna si recasse spesso in montagna a raccogliere la legna e per paura di perdersi, usasse attaccare un panno ad un ramoscello, a mo' di bandiera, per sventolarla in caso di smarrimento. O anche, secondo un'interpretazione pi?maliziosa, 'a Bannera era una donna ipocrita che voltava le spalle secondo i casi, cos?come la bandiera con il vento. Louis Vuitton sacs Christian Louboutin hollister uk

'a Bardascia

Eufemismo di bagascia. Indica il luogo in cui anticamente risiedevano le prostitute di Furore.

'o Basista

Colui che organizzava scherzi innocui, ma anche veri e propri furti di conigli, di spighe.

'o Boss

Un signore che aveva soggiornato a lungo in America.

'a Caiserra

Dal tedesco Kaiser: imperatore. Identifica una discendente del primo sindaco di Furore.

'a Cartera

Donna che viveva all'interno della Cartiera, sita al fiordo.

'a Corte

Tempi addietro, il luogo dove i giovani erano soliti riunirsi, pe' 'na chhiacchierata o pe' 'na partitella a carte, era soprannominato 'A Corte. I suoi membri crebbero talmente in quella definizione da assorbire gradualmente i nomi, e relative cariche, di 'o Giudice, l'Avvocato, 'o Difensore.

Ciccupeppe

Un militante dell'esercito di Francesco Giuseppe.

Concetta 'a Bacchetta

Una donna eccessivamente magra.

'e Cuozze

Con cuozze d'accetta (manico di accetta) si identificava un tipo rozzo e volgare.

'a Fuscella

Termine che indica lo stampo in cui si versa il latte da trasformare in formaggi e ricotta. 'A Fuscella era dunque colei che provvedeva alla lavorazione del latte.

'o Fuchista

Un "professionista" dei fuochi d'artificio

'o Furiere

Un uomo che ha svolto il servizio di leva nella fureria della Marina Militare.

Jachille 'e Mugnille

Achille figlio del Mungitore.

'a Jatta

Una che aveva tratti somatici cos?simili al noto felino domestico, che pure 'e criature 'a sfuttevano.

'o Lamar

da Ramaro, colui che lavorava le pentole in rame, modificato in dialetto in "lamaro".

'o Lione

Un tipo abbastanza robusto.

'o Maestro

L'insegnante di scuola elementare.

'o Maggiore

Un ufficiale dell'esercito, anzi due: 'e chesta vanna (abitava nella vallata di San Michele) e 'o Maggiore 'e chella vanna (abitava a S. Elia).

'o Mpagliaseggie

Colui che di professione impagliava artigianalmente le sedie.

'a Nasella

Tenéva 'nu buco 'ncoppe 'o nase, cu cierti pile aint'.

'o Pannazzaro

Il venditore di panni.

'o Piluso

Immaginatelo da soli.

'a Palluttella

Una signora un po' in carne.

'e Pasturille

Dei fratelli tanto piccolini da somigliare ai classici pastorelli presepiali.

'o Piattaro

Un signore che si recava in giro per le case a raccogliere 'e pezze vecchie, regalando in cambio dei piatti.

'a Pisciammonte

Una che faceva pip?dovunque. I ragazzini 'a sfuttevano accuss?tanto che quando 'a Pisciammonte nun 'e truava, alluccava: "Hanno muorte 'e figlie 'e puttana".

'o Pizzarulo

Era sempe chillo che se pigliava 'e pezze. 'O chiammavano pure accuss?

'o Priggiuniero

Un giovane soldato fatto prigioniero dagli inglesi, nella campagna in Nord Africa durante la seconda guerra mondiale.

'a Rumana

Una donna dalle origini romane.

'o Rre

Ironicamente detto, pecch? era 'nu sfaticato.

'o Scemecco

il calzolaio che aggiustava le scarpe vecchie.

'o Sergente

Ha fatto il sergente durante 'o servizio militare.

'o Scrivano

Quando non esisteva un tasso elevato di scolarizzazione, ci si rivolgeva allo scrivano per farsi scrivere, o anche leggere, lettere e documenti di vario tipo. Il risultato era che questo signore conosceva 'e fatti 'e tutto 'o paese.

'o Stuorto

E comme se putéva chiamm? chillo era tutto stuort!

Tremmuline

Da "tre mulini", perch?si diceva macinasse cibo quanto tre mulini. Vendeva ortaggi e verdure su un carrettino, ma dopo essersi guadagnato 'a jurnata soja, era solito addormentarsi. I ragazzi approfittavano del suo riposino per rubargli la roba dal carretto e se qualcuno provava a svegliarlo per avvisarlo di quello che stava succedendo, lui rispondeva: <>. Trèmuline dormiva dentro una botte e non si ritirava mai a casa sua: 'na sera veneva ca', n'ata sera jeva da un altro: ovunque gli dessero da mangiare. Una volta un gruppo di ragazzi affamati escogit?un trucco per cucinare 'nu fritto 'e patane a danno del povero Trèmuline. Il pi? benestante di loro port?dello strutto, altri accesero il fuoco e un altro ancora rub?un sacco di patate dal carretto di Trèmuline, che continuava a dormire ignaro. Mentre cucinavano, per? sollecitato dall'odore, il vecchio si svegli?e con molta tranquillit?pigliaje 'a caccavella in cui friggevano le patate e 'a svacantaje dentro il suo sacco di tela, cu' tutta 'a 'nzogna.

'a Vozza (Vozzola)

Donna con un gozzo pronunciato.